Liposuzione e addominoplastica contro gli ccumuli adiposi: quando dieta e palestra non funzionano, ricorrere alla chirurgia plastica sì.

Spesso, nonostante un rigoroso regime alimentare ed una intensa attività ginnica, quei cuscinetti non scompaiono e l’addome non sembra ridursi e tonificarsi mai.
Di solito rimane un accumulo di grasso resistente ad ogni terapia, lassità della pelle o  rilassamento della parete muscolare.

In questi casi è consigliabile il ricorso alla chirurgia plastica.

Possiamo distinguere diversi casi:

  1. Quando sono presenti accumuli adiposi localizzati, la liposcultura (o liposuzione, cioè aspirazione del tessuto adiposo sottocutaneo mediante cannule) permette un rimodellamento definitivo dell’addome senza alcuna cicatrice visibile. L’intervento si effettua generalmente in anestesia locale e non necessita che di alcune ore di ricovero in clinica. Minimo l’indolenzimento post-operatorio, rapidissimo il ritorno alle normali attività lavorative e sociali.
  2. Se è presente lassità della parete muscolare addominale (diastasi dei muscoli retti), come in genere avviene dopo una gravidanza in donne giovani o  in uomini di corporatura asciutta ma con scarso tono della parete muscolare, associandosi anche ad un minimo rilasciamento della pelle, l’intervento consigliato è quello della mini-addominoplastica. Attraverso una incisione sul pube vengono riavvicinati i muscoli retti dell’addome ed asportata una minima quantità di pelle in eccesso, con il risultato di una addome tonico e piatto. La cicatrice residua sarà molto bassa, simile a quella di un taglio cesareo, e la convalescenza di pochi giorni. Minimo o assente il dolore postoperatorio. L’intervento è indicato anche o dopo dimagrimento attorno ai 45-50 anni.
  3. Nell’ultimo caso c’è un rilasciamento notevole di pelle e di muscolatura, l’intervento di scelta è l’addominoplastica. Questa operazione è particolarmente indicata per coloro che hanno perso molto peso, sia giovani che adulti oltre 50 anni, oltre che per le donne che abbiano avuto una o più gravidanze. Questo intervento permette di asportare notevoli quantità di grasso e cute in eccesso e rimodellare perfettamente la parete muscolare. Viene spesso associato al rimodellamento dei fianchi e del punto vita con liposcultura superficiale tridimensionale. Due i giorni di ricovero in clinica, una settimana di convalescenza a casa con attività fisica moderata, minimo o assente il dolore postoperatorio. L’intervento lascia una cicatrice sottile, nascosta anche dal bikini o dallo slip più succinto, che attraversa l’addome direttamente sopra il pube e la regione inguinale.

 

Si ricorda, come sempre, che per una diagnosi e un intervento sicuri sono necessari:

  • accurata valutazione dello stato di salute del paziente
  • esami clinici seguiti da una visita con l’anestesista
  • professionalità del chirurgo, che deve essere un specialista in chirurgia plastica
  • adeguatezza della struttura sanitaria

 

La chirurgia plastica (addominoplastica e/o liposuzione) nei casi sopra citati è risolutiva.

 

>>> Per informazioni o prenotare una prima visita:
Dott.ssa Giulia Boscaini
Carpi | Modena | Mirandola
Tel 392 237 0596
Mail info@giuliaboscaini.it