“La volta scorsa era stata bravissima perché non mi aveva lasciato nessun livido”
“Non vado più dal medico di prima perché mi lasciava tanti lividi”

Andiamo a precisare alcune cose:
La nostra pelle è vascolarizzata e ricca di vasi, alcuni di grosso calibro che decorrono profondamente ed hanno una anatomia abbastanza costante, alcuni di piccolo e minuscolo calibro che decorrono più superficialmente e non si vedono ad occhio nudo.
I due trattamenti maggiormente eseguiti in medicina estetica sono la tossina botulinica e il filler di acido ialuronico.
Entrambi questi trattamenti prevedono l’utilizzo di un ago che permetta, penetrando la pelle, la veicolazione delle sostanze.
Durante la procedura

l’ago può colpire uno di quei vasi sopra citati superficiali e provocare quindi, non un danno dal punto di vista funzionale, ma uno stravaso di sangue che lascerà sulla pelle un colore rossastro (che nei giorni successivi diventerà blu, viola, verde, giallo).

Nelle 12 ore precedenti il trattamento il consumo di alcol, l’aumento di pressione, il caldo, l’aver effettuato attività sportiva, l’esposizione solare, l’aver assunto farmaci antinfiammatori, etc possono aumentare il rischio che si sviluppi una ecchimosi durante il trattamento. Consiglio quindi di evitare, ove possibile, i sopracitati fattori se si desidera diminuire (non annullare!) la possibilità di avere ecchimosi.

Il bravo medico non è quello che non lascia lividi.
Il bravo medico è quello che ti lascia un buon risultato.

I lividi dipendono solamente per una parte dallo specialista che esegue il trattamento e comunque nel giro di qualche giorno si risolvono spontaneamente.
Per accelerare la risoluzione del quadroè consigliabile utilizzare una crema adatta allo scopo: consiglio KELAIRON più volte al giorno.

Per informazioni e appuntamenti:
Dott.ssa Giulia Boscaini
Carpi | Modena | Mirandola, Emilia Romagna
Tel 392 237 0596
Mail info@giuliaboscaini.it