“Ogni medico che faccia coscienziosamente questo lavoro  si pone continuamente domande e cerca riscontri scientifici per operare con professionalità ed attenzione alla sicurezza dei trattamenti e  alla salute del paziente ”.

Durante la fase tre della sperimentazione clinica del  vaccino Moderna  sono stati riscontrati 3 casi di pazienti con reazione infiammatoria dopo vaccinazione anti-Covid 19  in sede di precedente inoculo di filler .
“Le reazioni sono tutte regredite senza sequele dopo adeguata terapia ed in tempi brevi  e l’esito dei casi  riportati è rassicurante e aventi simili erano già stati riportati con altri tipi di vaccini. L’esiguità dei casi e la sintomatologia lieve che li ha caratterizzati ci rassicura e teniamo a sottolineare che il fatto di aver ricevuto in passato un trattamento di medicina estetica non costituisce a tutt’oggi, in alcun modo, una controindicazione all’esecuzione del vaccino anti-Covid”.

Abbiamo in ogni modo approfondito l’analisi di questi casi isolati, per comprenderne le caratteristiche, per attuare adeguati protocolli atti a minimizzarne l’eventuale insorgenza e condividere una terapia idonea.
Da qui un brevissimo e semplice vademecum per la sicurezza e soprattutto la tranquillità del paziente.

Cosa si deve fare se si ha intenzione di ricevere un trattamento a base di filler di acido ialuronico durante la fase di vaccinazione anti Covid-19:

  • Informare il medico se si è recentemente eseguita la vaccinazione da COVID-19 o se è in programma la sua esecuzione a breve
  • Evitare il trattamento nel periodo antecedente la vaccinazione (30 giorni)
  • Evitare il trattamento tra la prima e la seconda dose vaccinale
  • Evitare il trattamento nel periodo successivo alla vaccinazione (30 giorni)
  • La pregressa esecuzione di filler non deve rappresentare un freno alla vaccinazione: i rischi legati all’infezione da COVID sono di gran lunga superiori a quelli legati alla vaccinazione
  • Se si è ricevuto un trattamento di filler nei mesi antecedenti la vaccinazione non si deve avere alcuna preoccupazione: la possibilità di avere una reazione infiammatoria in sede di inoculo di filler sono estremamente basse
  • Qualora dovessero insorgere rossore e gonfiore in sede di inoculo di filler dopo la vaccinazione, contattare il medico per iniziare l’adeguata terapia. Tutti i casi riportati sono completamente guariti.

 

Dott.ssa Giulia Boscaini
Carpi | Modena | Mirandola
Tel 392 237 0596
Mail info@giuliaboscaini.it

 

[Fonte: A.I.T.E.B.]